Viaggio in Austria - La musica
Viaggio in Austria - La musica

Joseph Haydn

Vienna Tutte le regioni dell'Austria Società austriaca Gli austriaci Letteratura austriaca Cultura austiaca Musica Storia dell'Austria
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Consiglia questa pagina a un amico
Condividere su Facebook Condividere su Twitter Consiglia questa pagina a un amico


Joseph Haydn
Joseph Haydn (1732-1809),
ritratto di
Thomas Hardy (1791)

La sua vita:

Franz Joseph Haydn nacque il 31 marzo 1732 a Rohrau, un piccolo paese della Bassa Austria. Di umili origini ma dotato di un grande talento musicale, fu accettato, a otto anni, come cantante nel coro della cattedrale di Santo Stefano a Vienna. Nel 1749, a 17 anni, Haydn dovette però abbandonarlo, a causa della muta della voce.

Iniziò un periodo difficile per Haydn, anche dal punto di vista economico. Riuscì comunque a guadagnarsi da vivere suonando a pagamento durante le feste, dando lezioni e scrivendo le sue prime composizioni. Prese anche lezioni dal compositore italiano Nicola Porpora.

La svolta nella sua vita arrivò nel 1761, quando ebbe l'incarico di vicemaestro di cappella alla corte del principe Esterházy. I membri della famiglia degli Esterházy furono tra i più ricchi dell'impero asburgico e, per la fortuna di Haydn, erano anche intenditori e appassionati di musica. Dopo la promozione a maestro nel 1766 Haydn si trasferì a Eisenstadt nel Burgenland e rimase al servizio della famiglia Esterházy per quasi 30 anni.
Oltre ad esibire sinfonie, opere, messe, musica da camera e danze di corte nelle varie residenze della famiglia Esterházy, Haydn componeva anche musiche proprie, istruiva i cantanti, si occupava della raccolta degli strumenti musicali e suonava come organista e violinista. Dopo il 1779, gli venne permesso di vendere le proprie composizioni anche ad altri editori e fu così che la musica di Haydn venne conosciuta da un pubblico molto più vasto, diffondendo ulteriormente la fama del compositore.
La casa di Haydn a Eisenstadt
sopra: la casa di Haydn a Eisenstadt, oggi un museo, sotto: una statua di Haydn nel parco del castelli Esterházy
foto: Bwag / Martin Geisler
Una statua di Haydn nel parco del castelli Esterházy
Nel 1790 gli Esterházy chiusero la loro orchestra, ma Haydn mantenne comunque lo stipendio di maestro di cappella e fu libero di recarsi dove voleva e di lavorare con chi voleva. Tra il 1790 e il 1795, Haydn fece due viaggi in Inghilterra e a questo periodo risalgono le celebri Sinfonie londinesi.

I suoi ultimi anni Haydn li trascorse a Vienna dedicandosi alla composizione di messe e oratori. Di questo periodo è anche il Quartetto dell'Imperatore (1797) che, più tardi, fu preso come melodia dell'inno nazionale tedesco.

La sua musica:

La produzione musicale di Haydn fu enorme, in quasi tutti i generi, da quello vocale allo strumentale, dal sacro al profano. Le 107 sinfonie, gli 83 quartetti per archi, le 62 sonate per pianoforte testimoniano la creatività di Haydn e documentano l'evoluzione della sua musica che, partita dall'eleganza facile eseguibile anche da musicisti non professionisti, arrivò fino al virtuosismo delle ultime opere.

ÈÈ ritenuto uno dei massimi esponenti del classicismo e ebbe una profonda influenza su molti altri musicisti. Mozart lo ritenne "guida e amico" e gli dedicò sei dei suoi quartetti. Haydn diede anche lezioni al giovane Beethoven e non per caso questi tre compositori, Haydn, Mozart e Beethoven, sono considerati una specie di "triumvirato" della musica classica.

Joseph Haydn da ascoltare:

Joseph Haydn  Joseph Haydn  Joseph Haydn  Joseph Haydn
CD e vinili

Libri, CD, Vinili, DVD e Blu-ray:


Dizionario della
musica classica

Mozart era un figo,
Bach ancora di più

Guida all'ascolto
della musica

Storia della musica
in Occidente

CD e Vinili
musica classica

CD e Vinili
musica pop/rock

DVD e Blu-ray
musica pop/rock

DVD e Blu-ray
musica classica

Scrivi un commento...
Finora non ci sono commenti

© 2022 Wolfgang Pruscha

Contatto - copyright - privacy