Viaggio in Austria - La musica
Viaggio in Austria - La musica

Johann Strauss

Vienna Tutte le regioni dell'Austria Società austriaca Gli austriaci Letteratura austriaca Cultura austiaca Musica Storia dell'Austria
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Consiglia questo sito a un amico
Condividere su Facebook Condividere su Twitter Consiglia questo sito a un amico


Johann Strauss
Johann Strauss (1825-1899) in una foto degli anni 60 dell'Ottocento.
fonte: 
Wikimedia Commons

La sua vita:

Johann Strauss (figlio) è, insieme a Wolfgang Amadeus Mozart, tra i più noti e popolari compositori del mondo. È conosciuto soprattutto come compositore di musica da ballo e di operette.

Già suo padre, anche lui di nome Johann, fu un famoso compositore, anche lui di musica da ballo. Ma il padre fu molto contrario al desiderio del figlio di intraprendere anche lui la carriera di musicista; per lui era prevista una carriera come bancario, sicuramente più sicura, ma molto meno stimolante per il figlio. La madre invece aveva capito che il piccolo Johann aveva un notevole talento musicale, almeno quanto il padre, e lo aiutò a prendere, in segreto, lezioni di violino e di teoria della musica. Quando il padre lasciò la famiglia nel 1843 per vivere con la sua amante (il figlio aveva ormai 18 anni), Johann decise di diventare professionista della musica. Solo un anno dopo, a 19 anni, divenne dirigente di un orchestra di 24 musicisti. Si esibì, sempre ostacolato dal padre che ormai vedeva nel figlio un pericoloso concorrente nella scena musicale, nei locali di intrattenimento di Vienna. Ma già la prima apparizione in pubblico del giovane Johann Strauss fu un trionfo. Il padre aveva comunque molti amici a Vienna e il pubblico viennese si divideva in due fazioni opposte: i sostenitori del padre e quelli del figlio.

Durante la rivoluzione del 1848 il contrasto tra padre e figlio divenne ancora più aspro: Johann Strauss (figlio) diresse a Vienna pubblicamente l'inno nazionale francese, la Marsigliese, allora severamente vietato in Austria. Infatti, fu arrestato e successivamente fu ostacolato nella sua carriera anche dalla corte asburgica: la sua domanda di diventare direttore dei balli di corte fu respinta due volte. Il padre invece rimase fedele alla monarchia e compose la sua celebre Radetzky-Marsch (Marcia di Radetzky) in onore del feldmaresciallo austriaco Josef Radetzky.
Dopo la morte del padre nel 1849 Johann Strauss riuscì comunque, contro molte resistenze, ad unire la sua orchestra a quella del padre; questo fu possibile per il fatto che ormai era riconosciuto dal pubblico di Vienna come miglior compositore di valzer dell'epoca. Da allora la carriera di Johann Strauss fu decisamente in discesa, durante molti viaggi all'estero (Russia, Parigi, Londra e persino negli Stati Uniti) la sua fama si diffuse molto oltre i confini suo paese. Nel 1874 Johann Strauss fece anche una tournee molto applaudita in Italia, dove si esibì in tutte le più grandi città italiane, a Venezia, Roma, Napoli, Milano, Genova e Torino.

Molto importante per il suo successo fui anche la stretta collaborazione tra Johann e i suoi due fratelli Eduard e Josef Strauss, anch'essi compositori; a Vienna molti parlavano addirittura della "ditta musicale Strauss". Questa collaborazione divenne particolarmente importante quando Johann, per lo stress del continuo lavoro e per la vita troppo sregolata subì, nel 1853, un crollo psicofisico, che lo costrinse a un periodo di totale riposo.

Johann Strauss si sposò tre volte: nel 1862 con la cantante Henrietta Treffz che muorì nel 1878. Il secondo matrimonio con Angelica Dittrich, contratto a soli 7 settimane dalla morte della prima moglie, durò solo 4 anni e fu infelice, si separarono nel 1872. Per potersi sposare di nuovo Johann Strauss rinunciò alla cittadinanza austriaca perché il diritto della cattolica Austria non prevedeva il divorzio. Prese la cittadinanza del ducato Sachsen-Coburg e Gotha e divenne protestante, come fece anche la sua terza moglie Adele Deutsch che era originariamente di fede ebraica. Il matrimonio con lei, che aveva 31 anni meno di lui, fu molto felice e durò fino alla morte di Johann, nel giugno di 1899. Strauss non ebbe figli.
La prima stampa di 'Sul bel Danubio' blu di Johann Strauss
La prima stampa del famoso Valzer di Johann Strauss "An der schönen blauen Donau" (Sul bel Danubio blu)
fonte: 
Wikimedia Commons

La sua musica

La produzione musicale di Johann Strauss è sterminata: compose 200 valzer, 140 polke, 50 marce, 18 operette, un'opera e un balletto. Strauss è noto soprattutto come "re del valzer", la sua più famosa composizione è il valzer "An der schönen blauen Donau" (Sul bel Danubio blu, vedi sopra). Il suo più grande successo come compositore di operette è "Die Fledermaus" (Il Pipistrello).

Durante il "Neujahrskonzert der Wiener Philharmoniker" (Concerto di Capodanno di Vienna) che si tiene ogni anno nella sala del "Musikverein" di Vienna, che è uno degli avvenimenti musicali più seguiti al mondo, vengono esibite per lo più opere dei componenti della famiglia Strauss: del figlio e del padre e dei due fratelli Josef e Eduard Strauss. Questi concerti si concludono sempre con il valzer "An der Schönen blauen Donau" (Sul bel Danubio blu) e con la "Radetzky-Marsch" (Marcia di Radetzky) di Johann Strauss (padre).

Sul bel Danubio blu:

Per approfondire:

Potrebbero interessarti anche:

Musica di Johann Strauss - CD e Vinili   Musica di Johann Strauss - CD e Vinili   Musica di Johann Strauss - CD e Vinili   Musica di Johann Strauss - CD e Vinili  
CD e Vinili
con musica di Johann Strauss
Musica di Johann Strauss - DVD e Blu-ray   Musica di Johann Strauss - DVD e Blu-ray   Musica di Johann Strauss - DVD e Blu-ray   Musica di Johann Strauss - DVD e Blu-ray  
DVD e Blu-ray
con musica di Johann Strauss


Dizionario della
musica classica

Mozart era un figo,
Bach ancora di più

Guida all'ascolto
della musica

Storia della musica
in Occidente

CD e Vinili
musica classica

DVD e Blu-ray
musica classica

Tutte le altre pagine su compositori e musicisti austriaci Tutte le altre pagine su compositori e musicisti austriaci Tutte le altre pagine
su compositori e musicisti austriaci
Scrivi un commento...
Finora non ci sono commenti

© 2022 Wolfgang Pruscha

Contatto - copyright - privacy