Viaggio in Austria - le città e regioni più belle

I tesori sotterranei di Vienna

Per chi non vuole limitarsi a visitare i soliti monumenti e le tappe di routine,
è consigliato un salto verso il basso, per scoprire i tesori sotterranei di Vienna.
Articolo a cura di Daniele Brina.

La stazione "Volkstheater" della linea U3 della metropolitana di Vienna,
decorata con un mosaico in vetro di Murano, di Anton Lehmden.
Tutte le foto in questa pagina: Wikipedia

I tesori sotterranei di Vienna

Magnifici palazzi, splendidi edifici, chiese di ogni epoca donano a Vienna un'aura affascinante. La città della musica per eccellenza, il centro dell'impero, una meraviglia con molto da offrire; un perfetto incrocio fra antico e moderno, intensa vita culturale e attrattive davvero invidiabili.

Ma a Vienna c'è sempre qualcosa di nuovo da esplorare. Questa enigmatica e armonica metropoli ha tante facce: una di queste è particolare. Così come Berlino, anche la capitale austriaca ha il suo tesoro sotterraneo (vedi anche: Il cielo sotto Berlino). Una città solo apparentemente nascosta ma ora, in parte, visitabile. Basta prima di tutto calarsi nella moderna rete metropolitana (U-Bahn) che oltre a collegare in maniera ramificata i diversi quartieri, presenta altrettanti passaggi sotterranei come punto di partenza verso nuove scoperte. Nella costruzione di alcune fermate delle linee si è tentato di salvaguardare il più possibile luoghi posti sottoterra che possono essere utilizzati per scopi culturali.


Il simbolo della metropolitana a Vienna,
la "U" sta per "Untergrundbahn".

Dopo l'elegante architettura Jugendstil della stazione di Karlsplatz creata da Otto Wagner, oggi è possibile ammirare un'altra fermata della U-Bahn nella cui recente riprogettazione l'arte è stata la protagonista: la Volkstheater. Arte nel senso migliore della parola. L'intento è quello di condurre il pubblico verso l'arte, ma anche l'arte direttamente al pubblico. Ed è così che dalle banchine della U3 è oggi contemplabile lo stupendo mosaico dell'artista Anton Lehmden, composto da tre milioni di tessere in vetro di Murano e costato ben due anni e mezzo di lavoro. Punto di partenza tematico dell'opera è la natura e lo sviluppo della terra e dell'universo dall'epoca del Big Bang.

Dalla stazione dello Stephansdom invece le insegne guidano verso l'omonimo edificio gotico di cui sono visitabili le catacombe e la cripta del duca che contiene alcuni resti degli Asburgo. Queste strutture furono progettate e allestite quando la peste si diffuse in città. Per evitare ulteriori contagi molti vennero seppelliti proprio qui per decreto dell'allora imperatore Carlo VI (1732). Un'altra cripta conosciuta è ubicata sotto la Kapuzinerkirche, fondata nel 1618; fu uno dei luoghi di sepoltura degli Asburgo per circa trecento anni. Lì è possibile osservare sarcofagi di dodici imperatori e di diciannove imperatrici, nonostante alcune parti dei loro corpi risiedano nelle catacombe dello Stephansdom. Altri nobili mummie abbigliate e imparruccate sono presenti presso la cripta della Michaelerkirche vicino all' Hofburg.

Restando sempre in tema non è certo da escludere l'Augustinerkirche che risale al 1327. Qui si celebrarono numerosi matrimoni famosi come quello tra Maria Luisa e Napoleone nel 1810 e tra Francesco Giuseppe e Sissi nel 1851. Tuttavia questa chiesa è famosa per l'Herzerlgruft, la cripta dei cuori, dove vengono conservati i cuori degli imperatori austriaci. Circa quarant'anni fa invece, durante i lavori per la linea 1 della metropolitana viennese affiorò dagli scavi la Virgilkapelle, una vasta cappella gotica. Proprio in Stephansdomplatz si possono ammirare le fondamenta della cripta.

Interessanti sono inoltre i magazzini di deposito e le cantine posti sotto il complesso monastico di Schottenstift nella piazza Freyung che conservano elementi barocchi, romanici e Biedermeier. Oggi nell'area vi è uno spazio del Museum im Schottenstift. Nei pressi della Marc-Aurel Strasse alcuni scavi mostrano reperti archeologici d'epoca romana come monete, vasellame, il tutto in un museo sotterraneo dove è possibile osservare persino i resti del campo romano di Vindobona.


In una sala dell'Esterhazykeller
foto: www.esterhazykeller.at

Per chi volesse invece dedicarsi ad un percorso sottosuolo enogastronomico potrà sperimentare il tour delle cantine. Fin dal medioevo molte case viennesi erano dotate di numerosi piani sottoterra dove conservare vino e alimenti. In periodo di guerra addirittura si viveva lì sotto al punto da creare estesi labirinti dotati di tunnel. Molte di queste cantine andarono distrutte durante la costruzione della rete metropolitana o di parcheggi, ma alcune sono rimaste e riadattate a veri e propri ristoranti-cantina 'keller', come ad esempio la Esterhazykeller o la Rathauskeller in Wipplingerstrasse.

Due guide attraverso la Vienna sotterranea.
Cliccate sulle copertine per saperne di più.

Visite guidate nella rete fognaria di Vienna

Un modo avvincente e innovativo per passare in rassegna i sotterranei della capitale asburgica è senz'altro rappresentato dal tour lanciato e organizzato dall'azienda che gestisce la rete fognaria. Il fascino nascosto delle fognature che attraversano le grandi città viene spesso descritto o mostrato come protagonista di romanzi o pellicole cinematografiche. Nel caso di Vienna questa attrazione è stata talmente richiesta e diffusa che la società ha deciso di investire in opere di ingegneria urbana con scopi architettonici e turistici.


Locandina del celebre film "Der dritte Mann" (1949),
ambientato in parte nella rete fognaria di Vienna.

Infatti, sull'immaginario del famoso film Der Dritte Mann (Il terzo uomo) del 1949 con Orson Welles, che mostrava come scenario il conosciutissimo attore inseguito dalla polizia proprio fra i tunnel delle fognature viennesi nell'immediato dopoguerra, alcuni tour sono stati predisposti proprio per consentire al turista di godere della città sotto una nuova prospettiva. Queste visite ripercorrono le location del film oltre che fornire informazioni sulla storia post bellica. Il tour principale parte dalla stazione della U-Bahn 4 di Stadtpark. Altre escursioni guidate nel sottosuolo cittadino vengono organizzate dalla Vienna Walks (www.viennawalks.com), una società che propone numerose alternative e modi di scoprire la città del valzer.

Insomma, per chi non vuole limitarsi a visitare i soliti monumenti e le tappe di routine, consiglio un salto verso il basso, dove di certo Vienna non deficita di aspettative altrettanto allettanti e curiose.

Testo: Daniele Brina

Di Daniele Brino è anche l'articolo:

Il cielo sotto Berlino
Visite guidate attraverso la Berlino sotteranea. La scoperta dei sottosuoli della città permette di conoscere degli aspetti nuovi e affascinanti della storia di Berlino. A cura di Daniele Brina.

Vedi anche:

ViennaTutte le pagine su Vienna
Tutto sulla grande capitale dell'Austria. [capitolo]

Dove soggiornare a Vienna?

Hotel a ViennaHotel a Vienna
Centro di prenotazione.

Volare con Austrian Airlines:

Per preparare meglio il vostro viaggio a Vienna:

Viaggiare in AustriaTutto per il vostro viaggio in Austria
La vostra agenzia di viaggi fai da te per l'Austria. [capitolo]

Iscrivetevi gratuitamente alla newsletter:


Dello stesso webmaster sono:

www.reise-nach-italien.de - Deutsches Italienportal
www.viaggio-in-germania.de - Portale italiano sulla Germania

Copyright