Storia dellì'Austria

Maria Teresa d'Austria

Home  Tutti i capitoli di viaggio-in-austria.it Condividere su Facebook
Maria Teresa
Maria Teresa all'età di 10 anni (1727), ritratto di Andreas Möller.
Kunsthistorisches Museum, Wien
fonte:  Wikimedia Commons

Una donna come imperatrice?

Nel '700, il compito più importante della moglie di un imperatore, di un re, di un qualsiasi appartenente della classe aristocratica regnante in Europa era generare almeno un figlio maschio, per garantire la continuità dinastica. Se il matrimonio rimaneva senza figli, se nascevano solo figlie femmine e se non c'erano fratelli o altri eredi maschi, la situazione politica poteva diventare molto critica: il vuoto di potere dopo la morte dell'ultimo regnante maschio richiamava sulla scena subito tutti i possibili pretendenti, che, a causa dei numerosi matrimoni tra le monarchie dell'Europa dell'epoca, potevano essere parecchi. E più di una volta una situazione del genere fu motivo scatenante di una guerra che poteva protrarsi anche per molti anni.

Per scongiurare una crisi di questo tipo Carlo VI, appartenente alla casa degli Asburgo e imperatore del Sacro Romano Impero, elaborò - e fece approvare dalle altre monachie europee - la cosiddetta "Prammatica Sanzione" che, in mancanza di un erede maschio, dava il diritto di successione al trono anche alla prima figlia femmina dell'imperatore. E così, Maria Teresa d'Asburgo, all'età di 23 anni, ereditò la corona d'Austria e divenne l'arciduchessa regnante, un fatto assolutamente inedito, per molti anche scandaloso e inaccettabile.
Maria Teresa
Maria Teresa all'età di 42 anni (1759), ritratto di Martin van Meytens
Kunsthistorisches Museum, Wien
fonte: Wikimedia Commons

Maria Teresa e gli altri poteri dell'Europa:

Anche se gli altri monarchi avevano dato, nel 1713, il loro consenso alla "Prammatica Sanzione", nel 1740 sembrava che non se ne ricordasse più nessuno. La Prussia, all'epoca la più piccola, ma forse la più aggressiva tra i poteri dell'Europa, colse subito l'occasione e aggredì l'Austria, occupando la Slesia, una delle provincie più ricche dell'impero degli Asburgo. La Prussia non aveva la minima giustificazione per questo azzardato intervento militare, ma l'Austria, con la sua giovanissima e inesperta regnante che molti ritenevano incapace di governare, sembrava un avversario debole. Le altre monarchie dell'Europa non si scandalizzarono più di tanto di questo attacco della Prussia, anzi, invece di correre in aiuto all'Austria, la Francia, la Baviera e la Sassonia si allearono con l'aggressore, nella speranza di poter partecipare allo smembramento dell'Austria.

Con l'aiuto dell'Ungheria Maria Teresa riuscì a respingere gli attacchi, ma la Slesia, nonostante vari tentativi di riconquistarla e nonostante il fatto che dopo il 1757 la Francia rovesciò l'alleanza mettendosi con la Russia e l'Austria contro la Prussia, rimase persa.

La Prussia che prima dell'ascesa al trono di Maria Teresa era ancora una monarchia di secondaria importanza in Europa, era diventata l'avversario più temuto dell'Austria. Le battaglie tra i due stati, sanguinosissime per entrambi (solo l'Austria perse più di 300.000 soldati), non avevano fatto altro che confermare questo fatto. Nel 1763, alla fine della "guerra dei sette anni", Maria Teresa giurò di non farsi mai più trascinare in una guerra del genere. "Non scordatelo mai, meglio una pace mediocre che una guerra fortunata" scrisse a Giuseppe, suo figlio primogenito. E nelle sue note private annotò come il suo peccato più grande "di aver fatto la guerra per orgoglio".
300x250nuovoanno

Le riforme di Maria Teresa:

Il lungo periodo di pace che seguì era proprio quello che ci voleva per il paese perché l'economia e le finanze erano disastrate per le ingenti spese di guerra. Maria Teresa si rendeva perfettamente conto che il paese aveva un urgente bisogno di riforme strutturali. Dalla Francia si sentivano già le influenze dell'illuminismo minacciose per le monarchie assolutistiche dell'Europa e Maria Teresa aveva capito che una fonte importante della forza del nemico numero uno, la Prussia, consisteva in una serie di riforme che avevano trasformato questo paese in quello più moderno dell'Europa. La Prussia non era solo un paese altamente militarizzato (girava la battuta: "Altri stati si tengono un esercito, in Prussia è l'esercito che si tiene uno stato"), ma anche un paese molto moderno per l'epoca, per quanto riguarda l'amministrazione pubblica, l'organizzazione dell'economia e delle finanze, dello stato e per il sistema scolastico.

Maria Teresa introdusse numerose riforme per modernizzare l'Austria, cominciando dall'abolizione di molte regole del rigido tradizionalismo di corte. Prima di salire al trono non aveva ricevuto nessuna educazione specifica per prepararla al difficile compito di governare un paese come l'Austria, e forse è stato proprio questo la sua fortuna - e quella dell'Austria - perché riuscì ad affrontare molte questioni politiche ed economiche con un sano buonsenso umano, al di là dei meccanismi tradizionali. Il fatto che anche nel difficile campo dell'economia aveva capito più di molti suoi colleghi monarchi in altre capitali dell'Europa si capisce p.e. da una lettera che Maria Teresa scrisse, all'età di 26 anni, al suo cancelliere, il conte Urfeld: "Più ci penso, più mi sembra chiaro che in nessun luogo, nei domini, il commercio e l'industria hanno le cure necessarie; e tuttavia essi sono l'unico mezzo per creare benessere al paese e attirare denaro straniero". E così, dazi interni e pedaggi privati, dannosi al traffico commerciale, furono aboliti.

Dopo una riforma finanziaria che mise l'Austria per la prima volta su una base economicamente consolidata introdusse anche una riforma amministrativa e una giudiziaria non fermandosi nemmeno davanti a consolidati privilegi tradizionali. Contro molte resistenze abolì la tortura. Per quanto riguarda la riforma scolastica c'era un problema: non c'era nessuno in Austria che aveva le competenze e l'esperienza necessarie per idearla e per applicarla. Fino ad allora l'istruzione era in mano alla chiesa, che si oppose alla riforma per non perdere il monopolio educacativo. Anche i proprietari terrieri dell'Austria pensavano che troppa istruzione fosse superflua, anzi pericolosa per i contadini ed erano contrari. Ma Maria Teresa capì che l'obbligo scolastico e una scuola pubblica erano di primaria importanza per uno stato moderno. A questo punto Maria Teresa fece una cosa sorprendente: chiese alla Prussia, il nemico numero uno, di dare in prestito all'Austria Ignaz von Felbiger, uno specialista del sistema scolastico moderno, un monaco Agostino di mentalità aperta. La Prussia acconsentì e così entrò in vigore, nel 1774, il primo "Regolamento scolastico generale per l'Austria".
Maria Teresa
La famiglia imperiale nel 1756, con 12 figli (1756), quadro di Martin van Meytens.
Versailles, Parigi
fonte: Wikimedia Commons

I limiti di Maria Teresa:

Maria Teresa non era affatto una rivoluzionaria, anzi, era molto conservatrice. Ma sapeva che, affinché gli Asburgo potessero rimanere al potere, molte cose in Austria dovevano cambiare.

Non capiva le idee dell'illuminismo, la corrente filosofico-politica che si stava diffondendo rapidamente in tutta l'Europa e che trovò molti seguaci anche a Vienna. Se la sua riforma scolastica fu un grande passo in avanti, la riforma dell'università invece ne fu uno altrettanto grande all'indietro: la libertà di insegnamento fu drasticamente limitata. Lo stato aveva bisogno di amministratori, non di scienziati, e i pensatori liberi furono guardati con sospetto. Solo la facoltà di medicina, meno soggetta alla censura, riuscì a conquistare fama internazionale.

È vero che Maria Teresa abolì molte regole del rigido tradizionalismo di corte. Distinse tra il cerimoniale di stato e la vita privata: il primo rimase la sfera del dovere e della massima magnificenza possibile, l'altra doveva essere soprattutto piacevole. Ma qui si può notare una grande contraddizione: mentre lei ebbe la fortuna, per l'epoca molto rara, di poter sposare l'uomo che amava, le figlie avevano innanzitutto una funzione: formare e garantire, attraverso matrimoni politici ben programmati, i rapporti diplomatici degli Asburgo con le altre monarchie d'Europa. I suoi 16 figli, di cui sopravvissero 12 (4 maschi e 8 femmine), furono quasi tutti piazzati in posti strategicamente importanti per la politica dell'Austria. L'amore e la felicità erano, semmai, risultati casuali.

Anche nella politica estera l'Austria di Maria Teresa non si distinse molto dalle altre monarchie in Europa. Gli accaniti e vani tentativi di riconquistare la Slesia dalla Prussia, una regione protestante con cui l'Austria cattolica in realtà aveva poco in comune e che è stata conquistata dagli Asburgo, nel 1526, tramite le solite mosse dinastiche sulla scacchiera della diplomazia, costarono all'Austria più di 300.000 morti - una carneficina inutile che Maria Teresa riconobbe con dolore solo alla fine. Ma in un'altra occasione anche l'Austria dimostrò la stessa potenza brutale dei suoi concorrenti. Nel 1772, Federico II della Prussia propose la spartizione della Polonia tra Austria, Russia e Prussia, esclusivamente motivata dalla debolezza politica e militare della Polonia che ne fece una preda facile. Maria Teresa non era d'accordo, ma mentre in altre occasioni impose la sua volontà con una forza che molti, non solo in Austria, ammirarono, alla fine cedette ai suoi consiglieri e acconsentì ad una azione politico-diplomatica che è tra le più deplorevoli dell'epoca.

Maria Teresa morì nel 1780, a 63 anni, dopo 40 anni di regno, di cui gli ultimi 15 anni insieme al suo primo figlio maschio, Giuseppe II. Fu l'unica donna sul trono asburgico e fu sicuramente tra i migliori regnanti dell'Austria, pur con tutti i limiti dovuti soprattutto alla mentalità conservatrice dell'assolutismo predominante in quell'epoca.

Libri su Maria Teresa:


Maria Teresa,
una donna al potere
di Edgarda Ferri

Maria Teresa d'Austria -
Vita di un'imperatrice
di Edward Crankshaw

Per approfondire:

Storia dell'Austria  Giuseppe II  Storia dell'Austria  Storia dell'Austria  Storia dell'Austria  Storia dell'Austria
Altri libri sulla storia dell'Austria
dagli inizi fino ad oggi
Libri di storia e biografie   Libri di storia e biografie
Storia e biografie
(libri)
Documentari sulla storia   Documentari sulla storia
Documentari sulla storia
(DVD e Blu-ray)

Commenta questa pagina:

Finora non ci sono commenti ...
commento Aggiungi un commento

Scopri anche tutte le pagine su:

La storia dell'Austria
La storia dell'Austria
La storia della Germania
La storia della Germania

Da non perdere:

Austria-shop
Austria-shop:
Libri, film, musica, T-shirt, vestiti tradizionali,
specialità culinarie austriache
L'Austria in Facebook
Facebook:
"Mi piace l'Austria"
Un gruppo di discussione simpatico e vivace

Consiglio:

Il tedesco? Nessun problema!

Babbel.com:
Impara il tedesco facilmente, online e su dispositivi mobili
Registrati ora e prova gratuitamente babbel.com
Translated.net:
Traduzioni in 80 lingue - Consegna in 24 ore
Preventivo in 5 secondi

Iscrivetevi gratuitamente alla newsletter:

Per essere sempre aggiornati sulle novità!

Home   Tutti i capitoli di viaggio-in-austria.it

Copyright, privacy, contatto