www.viaggio-in-austria.it

Viaggio in Austria - Musica tedesca

Thomas Bernhard: "Estinzione. Uno sfacelo"

Robert Musil

Arthur Schnitzler

Stefan Zweig

Joseph Roth

Felix Salten

Rainer Maria Rilke

Franz Kafka

Adalbert Stifter

Thomas Bernhard

Alfred Kubin

Home > Letteratura austriaca > Thomas Bernhard

Con il suo ultimo romanzo "Estinzione. Uno sfacelo" (Titolo originale: "Auslöschung. Ein Zerfall") Thomas Bernhard (1931-1989) ci ha lasciato una commedia amara e pungente sull'Austria contemporanea. Pagina a cura di Sabrina Bottaro.


Thomas Bernhard (nel 1987)
Foto: Wikipedia

"Ogni cosa è ridicola, se paragonata alla morte"*
Thomas Bernhard

Un romanzo ambientato nel periodo della Seconda Guerra Mondiale nasconde, fra le sue pagine, qualcosa di singolare. Se poi la trama anticipa di qualche anno lo scoppio della guerra, allora è il romanzo è suggestione. La scrittura evidenzia, in qualche modo forse incomprensibile ma efficace, la rottura con la tranquillità e con l’ordine e il breve ma intenso viaggio verso il baratro. Il tono della narrazione è sempre inquieto e apprensivo e fa presagire il peggio in una costante attesa di colpi di scena che come previsto arrivano.

La trama è sempre affascinante e concitata. Si ha l’impressione di essere fisicamente lì, a osservare la scena dai diversi fronti del conflitto e capire di essere ormai spacciati. Credo che questo sentimento di precarietà nel modo in cui la narrazione influisce sulla trama sia dovuto al senso di fragile certezza nella fine prossima della guerra che i protagonisti del romanzo cercano di conservare fino alla fine assistendo però al declino del mondo circostante. Questo è leggere, per esempio, Estinzione del geniale Thomas Bernhard, un’esperienza che frastorna e obbliga ad apprezzare la stessa per quello che è. Siamo in presenza di una solenne e grottesca commedia umana dove il semplice atto di narrare il proprio passato e la riflessione, spesso futile, che scaturisce da esso ci ricordano quanto il culto della memoria abbia influito maestosamente sulla letteratura novecentesca.

Chi è Sabrina Bottaro,
l'autrice di questo testo?


Sabrina abita a Roma ed è laureata in "Lingue e Letterature Straniere" con tesi su Mario Praz in "Storia della critica letteraria italiana" che le ha dato la possibilità di fare uno stage di ricerca presso il Museo Mario Praz di Roma. Si interessa di critica letteraria, cinema, letteratura e scrittura creativa. Ha frequentato un corso di formazione editoriale e lavora come insegnante di lingue presso un centro di servizi didattici e come traduttrice freelance.

Il romanzo prende forma nel presente per tornare indietro nel tempo, secondo un lavoro della famosa memoria involontaria che qui appare però vagamente intenzionale. Un uomo, rifugiatosi a Roma per eludere la sua famiglia bigotta e opprimente rimasta nel feudo austriaco di Wolfsegg, nome che verrà ripetuto un milione di volte nel romanzo sotto forma di rammarichi e recriminazioni del protagonista, riceve un telegramma che gli annuncia la morte dei genitori e del fratello. Una volta tornato nella tenuta il protagonista si trova a faccia a faccia con le due patetiche sorelle (una di loro ha sposato un «fabbricante di tappi per bottiglie da vino di Friburgo», un personaggio bieco e paradossale) e con la sua eredità, la stessa tenuta.

All’improvviso la mente del protagonista ritorna al passato: un padre ottuso, una madre ignorante, un fratello voltagabbana, due lamentose sorelle e il loro fanatico collaborazionismo con le SS e la loro fedele adesione e cieca fedeltà al nazionalsocialismo. Il leitmotiv è il costante, sempreverde disprezzo del protagonista per la proprietà di Wolfsegg e la famiglia d’origine in una serie di lunghissimi periodi proustiani che coinvolgono qualsiasi cosa, dalla riflessione sul cattolicesimo a quella sulla fotografia.

Ritratto di famiglia nel suo interno in un’epoca terribile, Estinzione è la cronaca di un odio viscerale che, simile all’amore, porta il protagonista a speculare sulla sua vita e sul suo passato dal quale non è riuscito però a fuggire completamente. Il protagonista racconta il veleno e il disagio, l’acredine familiare e la matassa d’intrighi, ma egli non intende rendere conto del tempo andato per ricordarlo, come avrebbe fatto un raffinatissimo Proust, ma per estinguerlo, per distruggerlo, per dimenticarlo, "perché il mio resoconto è il solo per estinguere ciò che in esso viene descritto, per estinguere tutto ciò che intendo con Wolfsegg, e tutto ciò che Wolfsegg è, tutto."

*commento di Thomas Bernhard quando, nel 1968, ricevette un premio nazionale austriaco.

Sabrina Bottaro

Vedi anche:

Tutte le pagine sulla letteratura austriaca
Da Adalbert Stifter a Robert Musil. Gli scrittori di Praga Rainer Maria Rilke e Franz Kafka.
[capitolo]

Tutte le pagine sulla letteratura di lingua tedesca
Da Goethe e Schiller a Grass e Böll. Dai Nibelunghi al Dottor Faust. Sulla fiera dei libri a Francoforte e sul Projekt Gutenberg. [pagine di www.viaggio-in-germania.de]

Iscrivetevi gratuitamente:

Per essere sempre aggiornati sulle novità!

Gli indici di questo sito (più di 300 pagine):

Le città e regioni, viaggiare in Austria
Gli austriaci, la letteratura e la cultura, la società e la storia

La libreria
di questo sito


Libri in tedesco
da amazon.it


Libri in tedesco
da webster.it


Tutto per il
vostro viaggio
in Austria


L'Austria in Facebook


Dello stesso webmaster sono:

 Deutsches Italienportal - www.reise-nach-italien.de

 Portale italiano sulla Germania - www.viaggio-in-germania.de